Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/270

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Fusse un omo anca lu; quanto a l'astronomo
     Mi lo consegerave
     (Pantalon qualche volta
     Dà dei boni consegi anca al dotor)
     710De ricordarse, che tegnindo sempre
     Le pupile inchiodae sul firmamento,
     Senza butar mai l'ochio
     Dove 'l mete le zate, un zorno o l'altro
     El rischia ingambararse in qualche intopo,
     715Che lo sbalza sul fango
     A vendicar la tera indispetia
     Col stampo de la so fisonomia.
     Me ricevela, padre? ma lassando
     Che chi deve balar pensi ai so cali,
     720Profitarò de le so grazie: e intanto
     Provarò sto ananas se no l'è duro.»

«Provi questo, eccellenza, è più maturo...
     Glielo monderò io.»

«Grazie! cussì,
     725Cussì, padre, una feta... l'è prezioso!...
     Cossa fala mo adesso?»

«Le preparo
     Un bicchierino di certo elisire...
     L'ho distillato, veda,
     730Colle mie proprie mani; e sua Maestà
     Lo preferisce...»

«Mo minchioni, padre,
     Sta volta so Maestà ga mo rason!
     L'è un netare a dretura!... anca ela un poco..
     735Vogio servirla mi.»

«Oh! tropp'onore!
     Lì, lì, eccellenza; un sorsellin, la mostra.
     Viva mill'anni l'eccellenza vostra!»

Lassemo 'l resto per un'altra volta;
     740Minga za che sia straco,
     Ma no voria dar l'opio a chi m'ascolta...
     Chi me impresta una presa de tabaco?

PARTE SECONDA.


Turun-tun-tun - Turun-tun-tun.


Sugandose la boca
     Col tovagiol de seda sul balcon,
     «Oh! adesso mo, (diseva al fiorentin
     El plenipotenziario del Giapon)
     5Adesso credo mo che quel meschin
     Se vegna avicinando al so destin!
     Cossa disela padre?»
«Non ancora, eccellenza, (el ghe risponde)
     Più lento e cupo il suono del tamburo
     10Non mancherà di darcene l'avviso;
     Or passa al tempio a far le preci estreme
     E vi si tratterrà mezz'ora almeno.
     Potrebbe intanto, vo-eccellenza, veda,
     Se non le grava di soverchio... scusi,
     15Ma sono impaziente
     Di sapere di qual fausta maniera...»

«Vorla el so resto? sì? ben: volentiera.
     Dove gerimo? ah! sì. Mentre che donca
     Afetando franchezza, ma col cuor
     20Torcolà da la rabia e da l'angossa,
     Stava là ne la tore
     Tegnindo streta l'anima co i denti,
     Mamao viveva co la testa in saco,
     Se credeva imortal, se sbabazzava
     25Tra l'elisir de Venere e de Baco,
     Xe mo vegnù la soa. L'apoplesia,
     Da doneta de garbo, à lassà andar
     Sul vovo pineal
     Del bipede imperial una peadina,
     30Cussì a tempo, cussì ben misurada,
     Che l'à mandà, ne l'ato
     Che 'l stava per segnar la mia condana,
     A balar ne l'abisso una furlana.»

     «Providenza del ciel non manchi mai!»

35«Go mo gusto alafè che la la toga
     Per el bon verso anca ela, che cussì

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/270&oldid=61395"