Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/268

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Co quela bisinela de talento.
La pensa se son corso a precipizio
     A butarmeghe avanti in zenochion
     530Per farme dispensar da tanto onor.
     Scuse? preghiere? al vento; à bisognà
     Parlar schieto e tocarghe
     L'impossibilità... L'è andà in furor
     Sentindo che se osava
     535Meter in contingenza
     La so inteletual onipotenza,
     E se no me rassegno
     Lu co un altro decreto a scotadeo
     Me fa sbalzar la testa sul tapeo.
540No podendo scampar, per diferir
     De trenta zorni ancora
     La mia decolazion, m'è convegnù
     Far de necessità magra virtù.
Per confortarme, ò dito tra de mi,
     545Ghe vol pazienza: provarò. A bon conto
     El dialeto più breve e più sonoro,
     Che se parla in Italia, sarà certo
     Sora tuti 'l più facile a impararse;
     E se la xe cussì, gnente de megio
     550Donca de quelo de Venezia, che
     Lima le consonanti,
     Perchè no le ne scorteghi la gola;
     Che stenta a radopiarghene qualcuna
     Se no la cambia senso a la parola;
     555Che per dar più rissalto a le vocali,
     Fina i verbi castrando
     De le terze persone dei plurali,
     Fa che par che se canti anca parlando;
     E co i pie me son messo e co le man
     560A tentar de insegnarghe 'l venezian.
     La indovina mo, padre?
     Xe spirà 'l mese prima che Mamao
     Savesse pronunziar schieto figao.
Invece de criar co la natura
     565D'averghe dà panada per cervelo,
     O co l'aulica nena,
     Che no gaveva ben tagià 'l filelo,
     Mamao s'à imaginà,
     Che la so stolidezza gentilizia
     570Fusse l'efeto de la mia malizia;
     Molto più che 'l visir, e so sorela,
     Che lezeva i fogieti de l'Olanda,
     L'aveva assicurà,
     Che giusto mo a Venezia
     

575Certo abate Vaseli,
     Che no se sogna d'esser un bufon,
     Insegnava a chi passa
     La lingua inglese in dodese lizion;
     Tanto che se Mamao,
     580Celebre per inzegno trascendente,
     No parlava in t'un mese
     L'italian quanto 'l Casa o 'l Fiorenzuola,
     Gera un segno evidente
     Che mi, d'acordo con i so nemici,
     585Gaveva donca machinà e deciso
     De bararghe la scuola
     Per dar sul muso a la so gloria un sfriso.
Fato 'l mio buso in acqua, in conseguenza
     I m'à solenemente dichiarà
     590Reo de lesa maestà: i m'à cazzà
     In un fondo de tore: i à confiscà
     Tuti i mii beni. Kon-Ghij,
     Preside al criminal, che poverazzo
     Gaveva protestà
     595Contro l'ato ilegal de condanarme
     Senza prima ascoltarme, i l'à impalà
     Dopo averlo ascoltà:
     E in cao tre dì, per terminar la festa,
     Se me doveva bater via la testa.»

600«Raccapriccio d'orrorl e chi ha potuto
     Salvarla poi da la perversa frode?...»

«La mia fortuna, o l'anzolo custode:
     Cossa vorla che diga!
     In fati mentre là ne la mia tore,
     605A la presenza de vinti curiosi,
     In mascara d'amici,
     Per onor de la patria
     Afetava disprezzo per la morte,
     E calma filosofica sul viso
     610Co una borasca de biasteme in gola...

     Qualcun grata a la porta, sala, padre»

«Entrate pur... scusi, eccellenza,... qui,
     Qui, qui sul desco; andate,
     Ci rivedremo poi... Peppino, a te
     615Ecco le chiavi, presto...
     Le salviette di seta; i due piattini
     Di porcellana verde; i bicchierini
     Di cristallo di rocca...

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/268&oldid=67188"