Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/266

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Bisego drento, e tra
     La polvere e le tarme tiro fora
     Un valiseto lacero,
     Che gaveva anca lu
     345Consumà 'l so curame
     Cavando a quei tre secoli la fame.
Sbrego zo in pressa quel che resta, e trovo
     Un scartafazzo in pecora fumada
     Col titolo de' Viazi
     350De Marco Polo, in caratere gotico
     E in venezian, che, come ò visto dopo,
     Gera giusto el giornal storico esato
     Del viazo che al Giapon l'aveva fato.
Lo buto in t'un canton, torno a pescar,
     355E vien su una bissaca,
     Che se me desfa in man, e lassa andar
     Uua tempesta suta
     De medagioni d'oro (de sta pegola!)
     Che rodola cantando per sofita,
     360E po no basta minga, e po un scravazzo
     De cogoli preziosi, vogio dir
     De diamanti, (cussì!)
     De smeraldi, rubini, e sie dozzene
     De perle grosse come peri gnochi!...
     365La ride? E pur mi so che qua a Pekin
     La vorave spazzarghene mo anca ela
     Qualcuna de più grossa e de più bela!
     Bianche po e d'un splendor,
     Che le ricorda apena
     370El riflesso de l'onde a luna piena.
No ghe descriverò la mia sorpresa,
     La mia consolazion; ghe dirò ben,
     Che se un colpo improviso de fortuna
     Ga spesso orbà qualche cervelo, a mi
     375Me xe nato el contrario, e m'ò sentio,
     Proprio con istantaneo benefizio,
     Bater le catarate del giudizio.
Go rissolto cambiar vita a dretura,
     E per spontar afato le locali,
     380Le consuetudinarie tentazion,
     Go sunà tuto, e insalutato hospite
     Son partio da Venezia col tesoro;
     E me ricordo che butando l'ochio
     Per viazo sul forzier
     385Rideva del fiscal del Cataver.
Passà in Olanda, dove
     M'è riussido esitar a poco a poco
     Col fior in rechia i cogoli e le perle,
     

Scartabelando spesso el scartafazzo
     390De Marco Polo, m'ò scaldà la testa;
     M'è saltà 'l grilo de far anca mi,
     Sul so esempio, la prova
     De qualche mercantil speculazion,
     E de passar con un cargo al Giapon.
395M'ò comprà in conseguenza un vasseloto,
     M'ò ingagià i marineri e un bon piloto,
     E dopo un'odissea
     De rischi e de vicende,
     Che me riservo dirghe un'altra volta,
     400So arivà co la fragia
     Dei mercanti olandesi a quela spiagia.
In pressa in furia tuti
     Xe corsi in tera a far i fati soi;
     Mi mo per una certa bizzaria
     405De caprizi d'origine materna,
     Me so ustinà de no lassar el bordo
     Se no imparava prima a menadeo
     La lengua del paese: e cossa vorla?
     In grazia de la mia bona memoria,
     410Agiutada da l'estro,
     Ben dopo un ano e un mese,
     Ficà in saco el maestro,
     Go tirà in tera le mie mercanzie,
     Che a norma de l'aviso del mio autor
     415No consisteva che in casse e cassoni,
     Coli, bale e fagoti
     De spechi, pive, piavoli e subioti,
     E senza dragomani, nè sanseri,
     Go vendù tuto, e me son guadagnà
     420Squasi 'l cento per un:»


Turun-tun-tun - turun-tun-tun.



«Oh! xelo qua?»

«Non ancora, eccellenza:
     Credo che passi adesso
     425Dinanzi a l'imperiale scuderia,
     Dove è mancato a' vivi Brigliadoro;
     E là l'ordine equestre
     Onora co' suoi pianti...»

«Eviva i mati! andemo pur avanti.
     430Fato ricon, m'ò comprà campi e case,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/266&oldid=67163"