Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/149

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XI. La moglie affogata.


S'avea in t'un fiume una muger negà,
     El marìo, poverazzo, desparà
     El l'andava pescando atentamente
     A contraria de l'acqua del torente.
5Ghè xe stà domanda: perchè cussì?
     E lù a risposto: El perchè lo so ben mì.
Viva l'à sempre fato a la roversa,
     Morta, no l'avarà l'usanza persa;
Ond'è più facil che la trova in suso,
     10Za che de contrariarme l'avea l'uso.



XII. Il millantatore.


Un tal se dava vanto, e sì 'l disea;
     Che tute drio le done ghe corea,
Gh'è sta risposto: Oh questa po se sa
     Che drio 'l pezo le done sempre va.



XIII. Peso della moglie.


Da borasca in pericol se trovava
     Una nave che gran pesi portava.
El piloto à ordinà che ognun dovesse
     Trar via 'l peso più grando che l'avesse.
Uno de quei che avea là so muger
     De butarla in tel mar fava pensier.
Ghe xe stà domanda: Perchè cussì?
     Perchè l'è 'l più gran peso che go mì.



XIV. Virtù senza denari.


Certo che sì, che a ben pensarghe su
     La più bela richezza è la virtù!
Epur apresso el mondo un omo povero;
     Per virtuoso ch'el sia, l'è sempre un rovero.



XV. Le donne.


Chi de le nostre done dise mal
     El comete un eror molto bestial:
Se 'l cielo è vago per le vive stele,
     Lo xe anca el mondo per le done bele.


XVI. Il vestito immodesto.


Quando una casa coverta no xe,
     La mostra de poder star poco in piè.
Cussì la dona che scoverta vada
     Par che la vogia far qualche cascada.



XVII. L'imprudenza punita.


Una dona burlava un certo puto
     Che gera moro: Ti è un gran corvo bruto!
E questo che xe qua placidamente
     Gh'à risposto cussì a sta imprudente:
I corvi core drio a ogni carogna;
     Che ve vardè da mi donca bisogna.



XVIII. Rimedio contro l'amore.


Da certa zoventù de prima età
     A un filosofo gh'è stà dimandà,
Quale sia quel rimedio che più val
     Per far guarir quei che d'amor ga mal:
E lu à risposto: che la fame sola
     Xe 'l rimedio che fa che amor ghe mola;
E in fati, pofardìo, co se ga fame
     Se ga altro in mente che d'amor le brame.



XIX. Storia di Rodope.


Rodope, fia de Dario, fè amazzar
     La propria nena che l'à bua a latar,
Solamente perchè la ghe criava
     Che a maridarse no la se curava.
Ai nostri zorni, oh quante fie de Dario
     Faria mazzar le nene a l'incontrario!



XX. Fragilità della bellezza.


Vedeu sta bruta vechia che xe qua?
     A i so dì la ga molti inamorà,
E adesso che la xe canùa e grima
     No la trova nissun che più la stima:
Done bele, tolè esempio da questa,
     E moderè quel fumo che avè in testa:
Va la belezza come che va el lampo,
     E, vechie, no ve resta apena el stampo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/149&oldid=70079"