Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/150

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXI. Arguta risposta.


Un certo paesan gavea un caval
     Longo e magro che parea un feral.
Un ghe domanda: a quanto al brazzo
     Vendaressi sto vostro cavalazzo?
E lu, alzando la coda con disprezzo:
     Entrè in botega che farò bon prezzo.



XXII. Risposta d'un guercio.


Un certo tal che un ochio sol gavea,
     Ma che de furbarie ghe ne savea,
Con un ch'i aveva tuti do à scomesso,
     Chi de loro ghe vede più da presso.
Per diana, dise el sguerzo, ò venzo mi;
     E vustu veder se la xe cussì?
Mi do ten vedo con un ochio sol,
     E ti con do vederme un sol ti pol.



XXIII. La moglie collerica.


Quando che la muger sussura in casa,
     Aciò che la se quieta e che la tasa
El rimedio xe questo d'esperienza:
     O corer via, o armarse de pazienza.
Chi à giudizio mai fissa un'opinion
     Con chi no xe capace de rason.



XXIV. Un debitore.


Gh'è un debitor che se vol lamentar,
     Che quaresema longa assae ghe par.
Ch'el paga a pasqua chi pagar el deve,
     E la ghe pararà anca tropo breve.



XXV. Un amante avaro.


Un avaro a una tal l'amor facea,
     E con parole amare el la ponzea;
E po el se ne dolea sto bel umor,
     Che no l'avea fortuna a far l'amor.
5Se fortuna in amor volè trovar
     Ve bisogna una cossa, amigo, far;
La seradura che a la borsa avè
     Su la boca convien che ve metè.
Amor vol splendidezza e cortesìa,
     10E no vol avarizia e vilanìa.


CINGARESCA.


L'ASTROLOGO.


Fermeve, viso d'oro,
     Fermeve, bela puta,
     Che ve contempla tuta
                    4Un pochetin;
Vedo che avè un sestin
     E de la grazia tanta,
     Grazia che proprio incanta
                    8E liga i cuori;
No xe da far stupori,
     Come faria un sofista,
     Se cussì a prima vista
                    12Me piasè;
Bisogna che sapiè,
     E chi nol sa che quele
     Cosse ch'è rare e bele,
                    16A tuti piase?
Benedete le case
     Che ga de ste zogiète
     De ste care cossete
                    20Come vu;
Più che ve vardo, e più
     Ve scovro un trato degno,
     Ch'al certo passa el segno
                    24E che no è in uso.
Oh caro quel bel muso,
     Cari quei bei ochieti,
     Che sieli benedeti
                    28Dove i varda!
Quela ganassa sguarda,
     Quel fronte rilusente,
     Quela boca ridente
                    32E singolar!
Me piase el vostro far,
     Me piase el vostro sesto,
     Un far ch'a del modesto
                    36E del furbeto.
Un cuor vu gavè in peto
     Che a la fisonomia
     Xe tuto cortesìa
                    40E senza orgoglio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/150&oldid=70101"