Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/146

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA DICHIARAZIONE.


Che bisogno ghe xe de simular?
     V'amo, Cate, nol nego. È forsi mal
     Amar come che va? Se deve amar
     4Con purità e con amor cordial.

Vardeve da un ingrato e disleal,
     Da un che v'ama solo per burlar;
     De un amor inocente e amor leal
     8No se se deve gnente vergognar.

Se v'amo? no lo nego; e de dì in dì
     El mio amor va crescendo sempre più;
     11Ma fazza Dio quel che xe destinà.

Mi temo molto, o Cate, in verità,
     Temo che vu, oh Dio! no fè per mi,
     14O, per dir megio, mi no sia per vu.


LA RITROSIA.


Voleu saver perchè, Cate careta,
     Tanto me dè in tel genio e me piasè?
     Oh ve lo dirò mi, se nol savè;
     4Sol perchè savè far la ritroseta.

Quel mostrarve modesta e sdegnoseta,
     Quel sprezzar quel che forsi più bramè,
     Quel saver dir: Sfazzà no me tochè,
     8Cosse tute le xe che assae me aleta.

Se una puta vanzar vol qualche cosa
     Sora un bon zovenoto inamorà;
     11No ghe xe megio che far la ritrosa:

Ma quando po che a sguazzo la se trà,
     Nè sa, nè la vol far la vergognosa,
     14Zo dei calcagni al moroso la va.
                    Questa xe verità:
La vostra mercanzia no val un bezzo;
     17Ma col negarla la fè star in prezzo.

INVETTIVA CONTRO LE DONNE.


Volubili, incostanti, menzognere,
     Interessade, vane, sospetose,
     Chiacarone, ustinae, lusinghiere,
     4Impazienti, sprezzanti, maliziose,

Aroganti, implacabili, severe;
     Inganevoli, astute, puntigliose,
     Incorigibili, tenaci, fiere,
     8Importune, superbe, dispetose;

Che no ga per nissun fede nè amor,
     De cervelo lisier come xe un'oca,
     11E d'ogni nostro mal vera cagion.

Cussì contra le done un gran dotor
     Esclamando l'andava a piena boca;
     14E ghe respondea l'eco: Oh che c...!


LA SCELTA DELLA MOGLIE.


El maridarse in una che sia bela,
     A chi nol sa, la par consolazion,
     Ma chi del mondo sa qualche novela
     4I tien diferentissima opinion.

In fati a una muger come una stela
     Da mile ghe vien fato osservazion;
     E ancuo sofri sta cossa e diman quela,
     8L'è po facile a dar qualche sbrisson;

Però vu, amigo mio caro, che sè
     Per entrar presto drento de sta scuola.
     11Vardè ben, caro vu, come che fe.

Bela, sior no, ma una prudente fiola,
     Onesta e savia vogio che trovè:
     14Che questo è quelo che v'à da far gola.
                    La belezza la svola,
E chi cerca beltà senza virtù
     17Cerca un lazzo che 'l pica e gnente più.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/146&oldid=59315"