Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/145

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


POESIE

DI

GIOVANNI POZZOBON

DETTO

SCHIESON DA TREVISO.



DIFFICOLTÀ


DELLO SCRIVERE IN VERNACOLO.


El par che sto mio stil facile el sia,
     E che scriva le rime come che
     Le me vien su la pena. La falè
     4Se credè questo; sè anzi in eresia,

Che ghe xe el so dificile per dia;
     Molto più assae de quel che suponè.
     Proveve mo anca vu; e vedarè
     8Se verità mi digo opur busìa;

E se mo sto mio verso è natural,
     Andante, e che no par gnente pensà,
     11Provo molta fadiga a farlo tal.

A far facile la dificoltà
     Bisogna aver in zuca un po' de sal,
     14E lo giudica quei che ghe ne sà.


UN SOGNO


Cara Catina mia, son insognà
     Una cossa che a dirla me vergogno,
     Son insognà (ma al fin l'è sta po un sogno)
     4Che mi con vu me gera maridà.

Ma l'uno e l'altro gera desparà
     Per aver fato sto grosso codogno.
     Da una banda gavevimo el bisogno,
     8E da quel'altra la necessità.

Scontenti, malinconici, afamai,
     Ogni dì sempre più l'andava mal;
     11Mocolavimo come renegai.

E senza bezzi e senza capital,
     Pieni de cuche, de miserie e guai
     14Alfin semo redoti a l'ospeal.
                    Se sto sogno bestial
     El se verificasse, che nol so,
     17Starassimo pur freschi tuti do!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/145&oldid=61619"