Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/333

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


De la qual sara eterna la memoria.

Andè novi Titani,
635Andè ziganti,
Andè razze de cani
Tutiquanti,
Che cani senza mira d'insultarve,
Eroi del tempo antigo,
640Mi posso ben chiamarve
Se assaltè l'inimigo
Nela maniera ardita,
Co l'impeto che lori
Cimentando la vita
645Assalta i tori;
Andè, sì andè, ambiziosi,
Che le future età
Le ve celebrerà
Prodi e famosi,
650Perchè sto canto, che no ga el secondo,
Gavarà vita sin che dura el mondo.

Dopo de tuto questo,
Mi che so un omo onesto,
Che go per mio tiran
655Un cuor de marzapan,
E che graziando Dio
So stà da la natura
Con predileta cura
Favorio
660De imponente cervelo,
Che 'l par quel d'un vedelo,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/333&oldid=64344"