Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/331

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


 
Vaga a deventar mati,
Nè essendo più sogeti
Che merita esser leti,
580Se quel che mi decanto
Su tuti porta el vanto;
E tasa anca la fama prepotente
Le vechie feste, i chiassi, i bacanali,
Che a Tebe, a Sparta, a Roma anticamente,
585Nel tripudio rivali,
Se faceva frequenti
In quei bei ani,
Che coreva i talenti
Come fra nu che core i carantani,
590Se za anca da sto lato,
Anca soto sto aspeto
Con un confronto esato
Superior ze de molto el mio sogeto,
Perchè se qua da stolidi, da mati,
595Senza saver percossa i se bastona,
Là in mezzo a gusti infami e depravati
Se adotava ogni massima barona,
E se andava co genio e studio grando
Le pratiche più inique esercitando.

600In base a tuto questo mi me par
De poder esclamar
Senza paura
D'una giusta censura:

Oh! fiera lota, oh! pugna strepitosa,
605

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/331&oldid=64342"