Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/330

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E in qualch'altro conflito
550De sta sorte
Da le spade, dai schiopi, dai canoni,
Contro so vogia gà incontrà la morte
Dei omeni a milioni,
Servindo de uno solo a l'ambizion,
555Al torto el più patente.
O per puro acidente
A la rason,
Nè à termina mai senza
Generar qualche seria conseguenza;
560Invece nela pugna, che da ani
Clamorosa ga logo
Fra tanti Nicoloti e Castelani,
No gh'è arme da tagio, nè da fogo,
Ze raro el caso che qualcun sia morto,
565Tuti per conto proprio se petufa,
Nissuna ga rason, nissun ga torto,
E al fin de la barufa,
Fora de tanti consolai da festa,
Qualunque cossa resta
570Su la tera
In te l'istesso stato che la gera.

Tasa dunque la storia
Le antiche guere, i gran combatimenti,
Anzi se ghe ne perda la memoria,
575No essendo più argomenti
Degni che i leterati