Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/329

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E sorpresa del cogo,
Che gera in palagremo
Atorno al fogo;
Quela de Samberì,
525Nela qual in t'un dì
La trupa dei Bretoni
Ga fato i Gali deventar caponi,
Ossia a l'imensa armada
Dei Francesi
530Ga dà una tal castrada,
Che più de mezzi l'à lassai destesi;
Quela de Trebisonda e de Baruti,
Quela de Benevento,
Dove i ze morti tuti
535Dal spavento;
Nè le tante che à dà
Nele diverse età,
Veri campioni,
I nostri peruconi,
540Più fiere de la fiera,
Che sventolava su la so bandiera,
E che sempre ga fato in ogni sito,
Sia per tera o per mar,
L'inimigo tremar
545Col so rugito.

La lota, torno a dirlo, che mi canto
Su tute porta el vanto,
Se nei combatimenti che ò descrito

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/329&oldid=64340"