Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/322

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Pugni e tonfi se dà
Cussì spietati
Che trema i fabricati,
E che lontan un mio
Fa che se senta
330El sordo mormorio
Che ve spaventa.

In contomile modi,
In forme diferenti,
Come se quei tormenti
335Fusse un godi,
Co studio e co bravura,
Senz'ombra de paura,
Con un coragio grando
I se le va pusando,
340E no i stralassa mai
Per aver le man strache,
O esser da le pache
Snombolai,
Anzi qualcun, che no s'aveva acorto,
345Seguitava a dar pugni, e gera morto.

I eviva popolari
A quela scena
In modo senza pari
Se scaena;
350Se rinova el fracasso,
Se ripete el bacan,
E el ceto manco basso

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/322&oldid=64333"