Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/321

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


 
El più clemente
Che no manda el paziente
A tombolon;
300No sbara la scalzada
El pie d'un prode
Che no costa salada
A chi la scode;
E no se mola un pugno
305Che no se rompa un sgrugno,
O coste, o gambe, o brazzi
A quei, per no dir altro, a quei strambazzi,
Proseliti de Marte,
Dei quali una gran parte,
310Sia Castelani opur sia Nicoloti,
Finisce la campagna
Come i pifari noti
De montagna,
Che per sonar ze andai,
315E invece i l'à sonai.
Poco su poco zo quelo che spesso
Facilmente se vede
Che fra de nu sucede,
E ze sucesso.

320Ma strenze l'argomento,
L'afar deventa bruto,
Cresce 'l combatimento,
E a profusion pertuto
Pim de qua, pum de là
325