Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/316

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che osservasse in distanza
Un pranzo destinà
Per la so panza;
160O per dir megio come in più d'un sito
Core 'l fator co ze scadù l'afito,
Cussì corendo a gambe i Castelani,
Corendo come lievri i Nicoloti,
D'ogni timor lontani
165De vederse ridoti
In quei frangenti
Soto un forte aversario socombenti,
In manco d'un mumento,
Più rapidi del lampo,
170Più presti assae del vento
Tuti se trova in campo,
Tuti se trova al ponte
Co l'inimigo a fronte,
E là un'orchestra piena
175De pugni dai de schena
Sul fato se rinova,
Dando novela prova
De valor,
Animà da la rabia e dal furor,
180Requisiti che genera el conflito
Assae più interessante e più acanito.

Se vede Nasavento
Tacà da far spavento
Col fiero Martorelo,
185

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/316&oldid=64327"