Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/315

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Sona da disperà
130Per dar secondo l'uso
Al popolo distrato
L'aviso che va suso
St'altro ato.

Sul campo de la guera
135Sventola la bandiera
Nele forme fissa
Per sta funzion
Da legi sanzionae
Fra le fazion;
140La zente a boca averta
Torna a meterse a l'erta,
El mormorio se quieta,
E pronta la trombeta
Da el segno che ze l'ora
145De petufarse ancora.

Come 'l cavalo che no sta più in strope
De la scuria insolente al primo indizio,
E tol a precipizio
El do de cope;
150Come che core i cani, argante e moro,
Co' a la rechia del toro
I vien molai;
Come che coraria
l'orsa se a caso mai
155Se vedesse la prole a portar via;
Opur qualche afamà