Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/317

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che ghe ne dà un flagelo;
Se vede Remenà,
Che co un pugno mola
In abreviatura
Manda Spelonca squasi in sepoltura;
190Pulese che in cordele
Ghe riduse la pele
A Tribolato,
Doparando le onge come 'l gato;
Brufolo che a Polame
195Ghe frantuma el corbame;
Petola che a Mastela
La testa ghe sfrasela;
Mantese che pien d'ira
Se bate co Pavero e lo destira;
200Smafaro che a Zenochio
Ghe porta fora un ochio;
Cagola che co Buso
Se afronta e le tol suso;
Mescola che a Triaca
205Co un pugno dà coi fiochi
Ghe scavezza una slaca
In quatro tochi;
Magnamorti che spira
Vitima d'un sberloto
210Del peso d'una lira
De la tremenda man de Taramoto;
Da un pugno de Tacon