Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/314

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


In pena ai so pecai
A brustolarse el cesto,
E tutoquanto el resto;
Che i vegna, sì che i vegna,
105Che li aspeto,
Avendo gran bisogno che i me insegna
El barbaro dialeto
Del tenebroso regno
De Pluton,
110Che assistio dal mio inzegno,
Da le mie inclinazion,
Dal mio talento,
Lo imparo in t'un mumento,
E cantando cussì
115La festa de sto dì
Tanto imponente
Co un linguagio al gran tema conveniente,
Con un detaglio esato,
Con un stil novo afato,
120E de mi degno,
Senza mai scapuzzar
Podarò sodisfar
L'assunto impegno.
Ma el corno benemerito,
125Che stando a de le ingenue tradizion,
Più assae per el preterito
In diverse ocasion
Gera adotà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/314&oldid=64325"