Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/302

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ghe ne ze dapertuto a centenera,
E spezialmente in ste contrae beate;
Omeni al mondo nati
410Per far chiacole molte e pochi fati,
Dei quali in ogni tempo ghe n'è stai,
Ma che presentemente
Ze in modo sorprendente
Propagai
415Per cità, per vilagi e per campagne.
Da darghe 'l muso drento
A sti spacamontagne
Ogni mumento,
Vardè con che coragio,
420Con che disinvoltura,
Ste bestie da saragio,
Sti mostri de natura,
Fermi nel so progeto
No fa parole e se ne dà un brueto:
425Sansoni, Ercoli, Alcidi, e tutiquanti
I più forti ziganti,
Che vigorosi e arditi
Gavè operà prodigi in tanti siti,
E che al genere uman
430Gavè fato capir quanto vantagio
Ga chi mena le man
Co del coragio,
Vegnì vegnì a vedèr,
Ch'anca senza rason,
435