Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/299

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A vinti boni passi de distanza;

325L'otavo ghe dà un memini coi fiochi
Da farghe de la boca una sportela,
Ghe sbalza fora i denti, e ghe va a tochi,
Sbusando la ganassa, una mascela;

El nono con un colpo sotobanca,
330Senza che l'aversario se lo aspeta,
In boconi ghe fa la gamba zanca,
Come che se faria d'una bacheta;

El decimo da bile trasportà
Al so competitor ghe dà le croste,
335Lo va pestando più d'un bacalà,
E ghe riduse in fregole le coste;

l'undecimo ghe incastra un pizzegon
Co tanto acanimento in t'una slaca,
Che do lire de carne in t'un bocon
340Co l'osso relativo ghe destaca;

El decimosecondo inviperio
L'aversario sul fato fa sbasir
Co un pugno de calibro ben riuscio
In certo sito che no vogio dir;

345E tuti in conclusion nela barufa,
Nela gara spietata, nel trambusto,
Come fiere decise i se petufa,
I se pugna, i se petena de gusto.
Mostrando in ato pratico che prode
350Ze tanto quel che dà che quel che scode.

Da eroi tuti combate