Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/298

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A un Ercole, a un Golia.

El primo co do pugni da cartelo
Riduse 'l so rival come una strazza,
Uno ghe lo refila sul cervelo,
300E quel altro in tel vodo ghe lo cazza;

El secondo ghe dà co tanta ira
Un tonfo madornal fra capo e colo,
Che in tera semivivo lo destira
Zoso a gambe levae tamquam pandolo;

305El terzo al so nemigo salta ai ochi,
E co le onge ghe li porta fora,
Intanto che più abasso coi zenochi
Senza misericordia el lo laora;

El quarto una pignata ghe consegna
310Cussì ben calcolada e cussì fìssa,
Che ghe fa butar sangue da la tegna,
E no gh'ò più speranza che 'l guarissa;

El quinto co le man ghe va a la testa,
E lo brinca infurià per i cavei,
315Strassinandolo sina che i ghe resta
Co la pele del cragno in mezzo i dei;

El sesto imbestialio ghe piomba adosso
Co un colpo misurà cussì potente,
Che ghe sbrega la carne e spaca l'osso,
320Come mi spacarave un curadente;

El setimo più forte de Sanson
Con un pugno spietato in te la panza
Lo sbalza in aria a l'uso de balon

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/298&oldid=64309"