Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/297

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Per che rason i gabia
Fra de lori
270Quel'ira, quei furori,
Da cossa che procede
L'odio cussì acanito,
Per el qual i se vede
Spontanei nel conflito
275A capitar,
Per poderse pestar
Da disperai,
A la parola come bacalai,
E co la più decisa indiferenza,
280Co tuto el sanguefredo
Meter a repentaglio l'esistenza,
Emuli de Rinaldo e de Gofredo;
Fra tanti, lo ripeto,
Dotai de sto dileto,
285Che a chi ze come mi fio de paura
Ghe par contro natura
Tuti fa la so parte a maravegia,
No ghe n'è gnanca uno da scartar,
Che tuti se somegia,
290Generosi anca tropo, a dispensar
Pugni che se pol dirghe martelae,
Rote, spente, peae,
Che maca i ossi
Ai più forti colossi,
295E imponaria