Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/296

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che per el manco le ve imatonisse,
E pignate de quele,
Che a chi ghe ne vien una refilada
Ghe riduse in panada
Le cervele.

245Come tanti demoni in modo orendo
Uno contro de l'altro
Se va tuti batendo,
E quel che ze più scaltro,
Che ga magior bravura,
250Che ga cuor,
Paga el competitor
Con un'usura
A segno esuberante,
Che son certo
255No torave el più esperto
Stochizzante,
Quantunque me sia accorto
Esserghe in sto raporto
Ai dì presenti
260Dei geni veramente sorprendenti.

Fra tanti Castelani e Nicoloti
Nel ardito cimento
Per la gloria condoti
In quel mumento
265Da l'astio, da la rania,
Senza saver ancora,
Come ò dito qua sora,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/296&oldid=64307"