Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/295

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


El pugno spesse volte va sogeto
A gran trasformazion,
215Cussì nel pien furor
De la tempesta,
Nel'ardente calor
De quela festa,
Quando i pol, quando i crede e quando i trova,
220Che al bon esito giova,
I mola a profusion
Secondo l'ocasion
Peae che ghe l'impata
A la più brava zata
225Cavalina,
E a qualunque sia musso co' el se ustina,
Pizzegoni de quei,
Che par tanage i dei,
Spente cussì ben dae,
230Che cascar deve
Zozo a gambe levae
Chi le riceve,
Sberloti che riduse le ganasse
Come tante fugasse,
235Stramusoni potenti,
Che co' i toca
Fa saltar fora i denti
Da la boca,
Scopole cussì fisse,
240

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/295&oldid=64306"