Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/294

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


185E più se se pol dir
De la saeta,
Che la se fa sentir
Qualche secondo dopo che la peta,
I nostri patrii eroi,
190Che al dito de le carte
Gera la magior parte
Barcarioi,
E fachini e becheri,
E una masnada
195De zente dedicada
A dei mistieri
Che fusse su sto tagio,
Purchè de bel'aspeto,
De forza e de coragio;
200Più presti, lo ripeto,
De quel che mi lo digo,
Da la rabia furenti
Tuti ghe salta adosso al so nemigo,
E senza complimenti
205Al primo simiton
Patatin, pataton,
Da orbi lavorando,
Ognun dal proprio canto
Pugni va refilando
210Da ogio santo;
E sicome lo sà chi ze proveto,
Che nela confusion

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/294&oldid=64305"