Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/283

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


No gh'è caso de trar un gran de megio
Da la strage de zente
605Venuda da Castelo e Canaregio,
Da san Marco, san Polo, da ogni sito
E poveri e signori,
Per esser del conflito
Spetatori:
610Gh'è femene, gh'è omeni,
De qualunque sia classe e eondizion,
Pocheti galantomeni,
Per quela gran rason,
Che in sta categoria
615Da Adamo sina qua
S'à sempre combinà
Gran carestia,
Siben per quel che sò
Magior de adesso no;
620Gh'è i buli, i cortesani
In scarpe coi galani,
La turba dei giazzai,
Che no finisce mai,
La spiuma dei galioti,
625I scavezzoni, i roti,
I dreti, i borsarioli,
Le mamare, i pandoli,
Che senza gustar gnente
Seguita la corente,
630I quali a conti fati

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/283&oldid=64294"