Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/284

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Da statistici esati
Ze risultai adesso
Sora tuto el complesso
Dei viventi
635In numero de molto prevalenti;
Gh'è tosi, ghe ze tose, gh'è putei,
Sinamente de quei
Che ancora lata,
Da qualche dona mata
640La condoti
Per solo fin de ben,
Ma che l'inizia in pien
Nela trista cariera dei galioti;
E a sta giostra concore
645Tantissime signore,
Che fervide de mente,
Drio de quei pugni fissi e quele spente,
Sa far ogni qual trato
Per el so gran perchè
650La regola del tre
Da ragionato;
In conclusion fra indigene e foreste
No se vede che teste;
Ze pieni a marteleto
655In ogni casa pergoli, balconi,
Tarazza, altana, luminal e teto;
Sui archi dei portoni,
Sui capitei, su l'erte,