Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/279

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Col so solo coragio,
E co la so bravura,
A pugni testa a testa se misura,
495Rischiando tardi o presto
Da quelo opur da questo
De torghene un brueto
De quei come che va
Da confinarse in leto,
500E che la staga là,
Pur per aver la gloria,
Decisamente eroi,
De far che i nomi soi
Passi a la storia.

505Ma eco la zornada
Alafin capitaria,
E san Bernaba che
Tuto el tempo de l'ano ze assae sbriso,
Ancuo vu lo trovè
510Un Parigi deciso,
Una contrada
Tutaquanta morbin, messa in parada:
Se scomenza abonora
Da pergoli e balconi a meter fora,
515Dove che stà i signori,
Tapei, damaschi, strati
E rossi e verdi e a fiori
De mile e più segnati,
E indove che ghe stà la zente varia,