Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/278

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E lo divora.

465Sti mostri, sti sicari,
St'infami sanguinari,
Sti semi scelerati
In odio al cielo,
Per umano flagelo
470Al mondo nati,
Sti teatri d'oror,
Ste becarie,
Che adesso co l'agiuto del Signor
Pertuto ze bandie,
475Da nualtri no gera tolerae
Gnanca l'età passae,
Nè ai secoli più barbari e rimoti
Qua ga esistio sta sorte de galioti;
Nela famosa lota singolar,
480Che m'ò messo a cantar,
E che per ani
Ga fato i Nicoloti e i Castelani,
Vitime no ghe ze de sta natura,
Nissuno va a incontrar
485Morte sicura,
No gh'è da cimentar
Bestie spietate,
Che vaga in quatro zate,
Ma gh'è precisamente
490Una classe de zente,
Che senz'arme da fogo, nè da tagio,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/278&oldid=64289"