Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/276

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


In mezzo dei tornei
Copava co do dei
410Le vache e i tori;
Che la vaga superba quela striga,
Parlo, s'intende za,
Come tanti à parlà
De Roma antiga,
415E parlo de quei tempi
Dai presenti lontani,
Che prosperava i empi,
Che regnava i tirani,
I Caracala i Atila i Neroni,
420La spiuma dei briconi,
I quali al so cospeto,
Per semplice dileto,
Co ghe vegniva in testa,
Quando i gera de vogia
425Ghe fava far la festa,
Ghe fava far la fogia
A quelo e a questo,
No usando tra l'onesto
E tra el baron
430Nissuna distinzion,
Quando de fresca età
Se trovasse dotà
De bel aspeto,
De forme erculee e fisico perfeto,
435Tantochè spesse volte in t'un stecato