Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/275

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


380Regolarmente,
Comode a suficienza,
Score do fondamente
Messe in corispondenza
Fra ele co un bel ponte
385Da dodese scalini,
Dove ghe ze le impronte
Dei pi, vulgo stalfini,
Privo de bande aciò
Possa ognun l'aversario butar zo,
390Opur smacarse in rio,
Se al caso el se trovasse a mal partio.

Ze sta antica contrada
San Bernaba chiamada,
E là le do fazion,
395Toca a chi toca,
Senza gnanca saver per che rason,
Pugni da confession
Se dà che sfioca,
Un dei quali a qualunque galantomo
400Prova la verità del mement'omo.

Che Roma fassa chiasso,
Perchè nei tempi andai
Qualche so bulo, qualche so gradasso,
Ghe n'à dei centenera destrigai;
405Che la vaga pomposa
D'esser stada famosa,
Perchè i so nerboruti gladiatori