Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/274

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Frenilo sì un pocheto
Sina che in maii me togo
La carta topografica, e che fazzo
355La descrizion del logo,
Dove l'orzo de bosco se dà a sguazzo,
Aciò qualunque idiota,
Qualunque scimunito,
Che ghe ne ze a bizefe, su sta lota
360Gabia una giusta idea del vero sito,
Nel qual esercitada
Per un corso de secoli l'è stada,
E acio qualche foresto imbratacarte,
Che va de quando in quando
365Le nostre cosse patrie publicando,
No possa anca in sta parte
Per decisa ignoranza, o per progeto,
Stampar de quele buzzare patenti,
Che con vero dispeto
370Sora d'altri argomenti
Avemo leto.

A Venezia se trova una contrada
Con palazzi, con case, con casini,
A furia de zechini
375In epoca lontana fabricada
Da periti de l'arte,
E divisa in do parte
Da un canal,
Sui margini del qual

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/274&oldid=64285"