Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/254

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Quel Camilo, che da stolto
Ze spirà fra mile afani,
De la Cate inamorà,
300Nel'età
De setant'ani. —

E dessora del to avelo,
Quando in cielo
Ti sarà,
305Ani assae dopo de mi,
Go i mii eredi incaricà,
Che ghe sia scrito cussì:
— Gh'è in sto buso
El più bel muso,
310Che co massima bravura
Ga natura
Messo in tera,
Ma co un cuor fato de piera,
La più ingrata fra le ingrate;
315E gnent'altro perchè za
Tutiquanti capirà,
Che s'intende Dona Cate.

A sto passo
Mi stralasso,
320Perchè son cussì comosso,
Ti te pol imaginar,
Che vorave ma no posso
Co la pena seguitar,
Tantopiù po essendo certo,