Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/253

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Bevo quanto che beve un papagà,
270E sempre aqua detestando el vin,
Me svegio malapena indormensà,
Passo i zorni sarà in t'un camarin,
No podendo sofrir la società;
E i sospiri che trago ogni mumento
275I ghe somegia a refoli de vento;

Da quando che me levo sin la sera
Suo come un vovo, son inquieto, tremo,
Ora contemplo el cielo, ora la tera,
Ora digo orazion, ora biastemo,
280E ora senza mai che nissun senta
El Tagio maledisso e anca la Brenta.

Basta dir che mezzo mato,
Persa squasi la rason,
In un dì de aberazion
285Sto epitafio me son fato,
Aciochè quando saro,
Dio pur vogia presto no,
Da sto mondo separà
A godèr l'eternita,
290Su la piera,
Che me sera,
Fato mumia, ischeletrio,
Sia a gran letere scolpio:
— A ogni vechio
295Sia de spechio,
Che qua drento stà sepolto