Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/255

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


325Che digo digo e predico al deserto,
Memore che più d'un megio de mi,
Dei quali el nome voi tegnir secreto,
Morti spanti per ti,
I ga fenio co un fiasco maledeto.

330Cate mia, dunque bondì,
Mi desidero che presto
Passa el resto
De quei dì,
Che la sorte mia tirana,
335El mio barbaro destin,
Crudelmente me condana
A no esserte vicin.

Daghe intanto de cuor per conto mio
Un baso a la to Emilia, al to Almorò,
340E a la nostra Giulieta almanco do,
Che co tornarò indrio
Faremo i conti,
E te rimborsarò pagando a pronti,
Anca, se ti vorà, sta pur sicura,
345Con generosa usura;
Perchè po nissun sospeta,
Che ghe sia certe rason,
Se parlando de Giulieta
Nostra ò dito, sta espression
350Mi dichiaro che l'ò usada
Per averla batizzada,
E gnent'altro, da omo onesto

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/255&oldid=64268"