Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/252

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Come e quanto qua in sto sito
Mi me devo mal trovar
Vari mia lontan da ti
Tante note e tanti dì;
245T'assicuro, Cate mia,
Che dir su no savaria
Co le povere mie rime
La crudel malinconia,
Che costante el cuor me oprime,
250Nè una risma de carta bastarave
Per scriver tuto quelo che vorave.

Da tanto che 'l dolor m'à consumà
Dopo che vivo qua
Da ti diviso,
255Diafano so ridoto,
Un scheletro deciso.
Un mostro da casoto,
E nel moral
Stago ancora più mal:
260Pianzo come che fava
Da putelo,
Quando che la massera me menava
A scuola col cestelo,
Opur quando al mio mestro
265Ghe capitava l'estro
De darme le sardele,
Che 'l me fava vedèr tute le stele;
Magno come che magna un canarin,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/252&oldid=64265"