Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/251

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Quanto ze belo quel che no se vede,
Quelo che taso per no dir qualcossa
215Da farte per modestia vegnir rossa.

Co tute le magagne che confesso
Per mia fatalita de aver adosso,
E coi mii setant'ani che go adesso,
Che amor no pol star sconto lo conosso,
220Perchè de Cate inamora a l'ecesso
Sconder ghe lo vorave ma no posso;
No ghe lo posso sconder, no gh'è caso,
No me vergogno a dirlo, no so bon
Per certe mie rason,
225Che adesso taso,
E po perchè al presente
Ze 'l mio amor per la Catina
Deventà cussì insolente,
Che de sera e de matina
230El me cresce a starghe arente;
El me cresce, me lo sento,
E se vago de sto troto
Vegnarà presto el mumento,
Mio malgrado, che ridoto
235Un deciso bacalà
Tutiquanti capirà,
Che de Cate mi son coto,
Sò a l'estremo inamorà.

Da sta racola che ò scrito
240Ti te pol imaginar