Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/142

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Co un sforzo de virtù
Me vago facilmente rassegnando;
Stame, sastu, lassù,
Stame aspetando,
105Caro SemproniO, e intanto
Agradisci el mio pianto,
Ricordite de mi,
Che co amor t'ò servio
E de note e de dì
110Avanti che ti fussi mio mario,
E dopo, ti lo sà,
No andemo adesso a farse complimenti,
La pazienza che ò usà
Certi mumenti,
115Quando intendo de dir,
Che ti... ma son comossa,
Nè gh'è caso che possa
Proseguir. —

Elo — lo sò, lo sò; te ne son grato
120De quanto ti ga fato
Co gran perseveranza
Per ben servirme in ogni circostanza.
E in premio del to amor
Te lo protesto
125Mi pregarò el Signor,
Che 'l vogia torte presto
A star con elo,
Più presto assae de quelo,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/142&oldid=64172"