Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/143

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che l'avesse deciso,
130Per farme gustar megio el paradiso,
Volendo lusingarme
Per grazia soa infinita de salvarme. —

Ela — no, no lo star,
Sempronio, a disturbar
135Per conto mio, che za
Se vago de sto troto
Pur tropo vegnarà
El zorno anca per mi da far fagoto;
Varda, vardime ben, dame un'ochiada,
140In che stato che son
Dal pianto del dolor tuta bagnada,
E da la gran passion
Opressa in modo,
Che so ridota un chiodo,
145Un scheletro, un oror
Da far spavento,
Vitima de l'amor,
Che per ti sento. —

Elo — te vedo si, cara, te vedo,
150E no me scordo
Quando ti gerì un tordo;
Al to afeto ghe credo
Se prove ti m'à dà
Tanto prima, che dopo maridà;
155Conservighe costanza
Al to Sempronio,