Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/60

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PREGI DI BELLE DONNE


Ò dito, digo, dirò fin che viva
     Che no ghe basta zoventù o grassezza
     A voler far da seno una belezza
     Che no gabia a gran pezzo chi l'ariva.

El caso è chiaro assai senza che 'l scriva,
     Che per la principal ghe vol grandezza,
     Che vol quel ochio ladro che ve spezza
     El cuor, s'el fussè ben de piera viva.

Ghe vol certo profilo e lineamento
     Ch'abia proporzion e nobiltà,
     Con non so che che bulega per drento.

Vu me dirè: la grazia mo gh'è la?
     La grazia è parte ben de gran momento,
     Ma la xe grazia no la ze beltà;
                          No zureràve za
     Che bona fusse anca questa sola
     De far che me mentisse per la gola.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/60&oldid=67906"