Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/41

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA MANCANZA DI ARDIRE


Quanto tempo s'aspeta un'alegrezza
     Che apena l'è vegnua che l'è partì!
     Òi mai provà meschin d'una richezza
     Che me fazza star ben intiero un dì?

Volse custìa, dopo tanta fierezza,
     Al fin avere compassion de mi,
     Ma a l'infinita mia dolcezza
     Me manca quel che m'importava pì.

Se ghe son stà vicin perso ò l'ardir,
     Persa presso al mio ben ogni possanza;
     Quasi ferìo che staga per morir!

Ch'òi più da far del viver che me avanza
     Se è vegnù quel che no dovea vegnir
     Per tagiarme a traverso ogni speranza?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/41&oldid=67848"