Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


No vago solo in lioghi retirai,
     No son soto la mistra che me daga
     O qualche sparaman o dei cavai.
Qualch'altra Dona adesso me par vaga,
     Che inanzi ognuna me parea una piaola;
     Ò averti i ochi e ò sera la piaga;
E no me levo, co' fava, da taola
     Per trar un piato a un gramo cagnoleto,
     Nè coro drio a la gata co la sgnaola.
I vostri cefi no me fa despeto,
     No me invaghisso a celebrarve più,
     No me sento a morir col star secreto.
Do bone zanze no me tira su,
     Un bruto viso no me fa meschin,
     Stago col mio cervelo e no con vu.
Co bevo no sospiro po' in tel vin,
     Co parlo vardo in viso i Cristiani,
     Nè tremo tuto co' ve son vicin.
No tegno più botoni d'ambracani,
     No cerco più d'aver vostri colori,
     No porto insegne più de pensier vani;
Ne son più fra speranze e fra timori,
     Ne gò fede de azzal, sdegni de vero,
     Nè son rabioso in Cà coi servidori.
Ò adesso, quel che bramo e quel che spero,
     Ne me va el desiderio in infinito,
     Nè me dà pì martel Polo che Piero.
Me cavo adesso mi qualche apetito,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/38&oldid=67837"