Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Fazzo sì che sto corpo à el so' dover,
     Nè lezo mile volte un vostro Scrito.
In soma mi no provo un dispiacer,
     E dei solazzi me ne dago tanti
     Che m'avanza la carne sul tagier.
Musa sorela, ò dito tropo inanti,
     Dio vogia che no menta per la gola,
     Che sto bravar no se resolva in pianti,
E che me sia un pugnal ogni parola!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/39&oldid=67835"