Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/37

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LETTERA A MADONNA


TERZINE


Amor sia ringrazià! Magno i me' pasti,
     Dormo dies'ore avanti che me volta,
     Nè teme i me' riposi altri contrasti.
Credo, Signora, che caghè talvolta,
     Che inanzi nol podea darmel da intender,
     Aldo chi parla, e parlo a chi me ascolta,
Se ò da far qualche ben ghe posso atender,
     Le gambe no me porta ove xe l'uso,
     Nè go più da istizzarme o da contender,
Nè credo a mile ingani, a mile scuse;
     Co se diè rider no me vien l'umor,
     No xe messe a coroto le mie Muse.
Posso far a mio modo del mio cuor,
     Nè cerco tossegar più i me' rivali,
     E a mala pena ve son servidor.
No fazzo più discorsi su i segnali,
     Ne fazzo più comenti sora i sguardi,
     Nè noto le mie pene e i vostri fali.
No me despero se ve vedo tardi,
     E se no ve vedesse nè anca mai
     No vorìa insanguinar saete e dardi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/37&oldid=67833"