Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/33

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'INUTILE SERVITÙ


Colù che per servir crede a custìa
     Cavarghe da le man qualche favor,
     Lu no sa se 'l canal abia saor,
     Se la Lana sta ferma o 'l Sol va via:

Questa, che proprio xe la bizaria,
     La miniera dei sesti e de l'umor,
     Darà per servitù, per versi, amor?
     La ghe darà 'l malan che Dio ghe dia.

E mì son sì balordo e sì bufon
     Che a despeto d'ognun vago corando
     Dove sta la desgrazia in zenochion?

E no me acorzo che viver amando
     Sta dona se xe giusto a condizion
     Be chi per arichir vive stentando?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/33&oldid=67822"