Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA PROVA D'AMORE


Che mi abia da morir senza aver visto
     La causa per la qual son condanà,
     Ch'abia da essere ogni dì mostrà
     A deo per un gagliofo, o per un tristo?

E che senza poder mai far aquisto
     Sora de vu d'un deo de autorità,
     Dal fachin, dal vilan sia strapazzà
     E che no gabia mai d'esser provisto?

Fia, le xe cosse da no star al segno;
     E ghe n'incago a Amor in tel mustazzo
     Se queste xe le legi del so' regno.

Me voleu ben? vegnime un poco in brazzo,
     Che mi no credo più se no col pegno,
     È bestia è quel che stenta per solazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/32&oldid=67815"