Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AMANTE UNICA


Se s'acordasse in Ciel ciascuna Stela
     De meter le so' forze ai nostri dì,
     E meter tuto quel che le poi pì
     Per formar una Venere novela,

No saria mai che me piasesse quela
     Tanto co' è questa ch'ò depenta in mì;
     Mai cercarla ciò che la fusse in sì,
     So ben che in mì no la sarìa più bela;

No posso far sì lucido concetto,
     Che apresso al Sol che luse al mio pensier
     Ogn'altro no me para un feraleto;

No 'l posso far, e no vorìa poder;
     Fia, no credè ch'altri che 'l vostro ogeto
     Me daga maravegia nè piaser.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/34&oldid=67823"