Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IN MORTE D'UN CAGNOLETTO


Ah povero animal, cara bestiola,
     Mi no gavea altro ben che nel to' aspeto,
     Morte t'à tiolto afin che per dispeto
     Drio de ti me impicasse per la gola.

Un Can che stava sempre con mi a tola
     E che dormiva nel mio proprio leto,
     À piasso a la mia Stela, al mio Pianeto
     Che fazza sta restante vita sola!

No so come l'intenso mio dolor
     No m'abia fato che ghe mora drio.
     Quanto al pensarlo me se spezza el cuor!

Oh gramo al mondo, misero Mafìo,
     Oh sorte, oh Ciel, che me podeu più tior
     Per cavarve la sè del fato mio?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/31&oldid=67814"