Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Omeni co' è el milord ghe ne xe pochi al mondo,
     L'è un omo che ragiona, l'è savio e no l'è tondo.
Per un trasporto grando anca la spada el cava,
     Ma porlo un disarmà ferir come una rava?
55Arso d'amor più mesi, el vol fenirla un zorno,
     Ma se la dona el sprezza, el pol sperar un corno.
Sbalzo anca mi col senso, co qualche improprietà;
     Torno al milord che resta cola spada incantà.
La colera l'aveva tirà fora de lu,
     60A la so propria vita no 'l ghe pensava più;
Ma d'uno che se stima la ose à da fermar,
     E quando ch'el se ascolta no 'l se pol più mazzar.
Adesso dessendemo ai altri do carateri
     (Sia rima o no sia rima) che rapresenta i Quacheri.
65Londra li stima tanto che la li à messi in opera
     Con una mascherada, e in teatro in t'un opera;
Anzi in t'una comedia, dove sti omeni boni
     Xe da un poeta inglese depenti per baroni.
Dei Quacheri Voltèr scherzando ne dà lume
     70Ironico, el li burla secondo el so costume.
Tra zente più ignorante, più vil de la nazion
     Sarà de l'Inghilterra la megio religion?
E po el protagonista s'à ben da presentar,
     Ma quando i xe episodi se va al particolar;
75Zonzendo che sti do i manca sol de fede
     Perchè la so impostura in pericolo se vede;
E quando a qualcun preme covrir la verità,
     El fa ogni tentativo e mile improprietà.
Provar se podarave, in più dissertazion,
     80Che i carateri tuti ga necessaria union,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/19&oldid=63731"