Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che tende ognun de lori a l'azion principal,
     E forsi in sta comedia l'è el megio capital.
Ma questo xe el destin dei publici spetacoli,
     Chi critica, chi loda, chi cria, chi fa miracoli,
85Chi vol de le cossazze, chi vol dei rudimenti;
     Dei omeni i cerveli no i sarà mai seguenti.
Chi ha scrito è mio paron, paron de seguitar:
     Chi spende el so da diese pol dir e confutar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/20&oldid=63733"