Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Per disisette sere l'à fato inamorar
     Tanti che no gaveva bisogno de imparar;
Quando l'universal no resta desgustà,
     Dirò che xe i carateri piantai co verità.
25El filosofo vero anca a la prima scena
     Se sente, se cognosse co trenta versi apena;
E quando el resta solo, confesso, mi voria
     Saver se el spiega poco la so filosofia.
L'è un omo che i afeti ha sempre rafrenà,
     30Che mai del sesso imbele s'à visto inamorà;
Un omo che se scalda quando el motivo è bon,
     No come un imprudente, ma come un Ciceron.
Viltà lu no 'l comete, e no 'l domanda scusa;
     La scena è mal intesa, per questo la se acusa.
35E come a tior regali pol far da precetor
     Uno che a recusarli insegna da dotor?
La scena ch'el sistema sostien de l'atrazion
     In boca de una donna la piase, la par bon;
Ma se ghe respondesse Jacob quel che convien,
     40Dies'ore de comedia no bastaria, a dir ben.
E po, d'amor parlando per atrazion scambievole,
     Cognosse ch'el xe un scherzo ogni omo ragionevole.
Lo so, lo so pur tropo che xe più interessante
     Quando la xe più chiara la passion de l'amante,
45Ma ai ochi delicati più nobile aparisse
     Passion che facilmente se sconde e po sparisse.
Per la virtù la dona la giera inamorada,
     Nè se podeva dir l'afeto una matada;
Co la rason l'à vinto quel resto de passion,
     50Che l'à mostrà pianzendo, per la traspirazion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/18&oldid=63730"